Nel 1968 il Consiglio Nazionale delle Ricerche creò il Gruppo Nazionale di Cibernetica (successivamente Gruppo di Cibernetica e Biofisica) e due Laboratori di Biofisica:

  • il Laboratorio per lo studio delle proprietà Fisiche di Biomolecole e Cellule di Pisa
  • il Laboratorio di Cibernetica e Biofisica di Camogli

 

In quegli anni si riteneva che non esistesse soluzione di continuità tra lo studio dei meccanismi cellulari e subcellulari, della comunicazione tra cellule in un “organo intelligente” e della possibile riproduzione dell’intelligenza in una macchina.

In questa ottica, a puro titolo di esempio, nel gruppo di Cibernetica e Biofisica di Genova negli anni '70 del secolo scorso:

  • La Cibernetica si occupava di intelligenza artificiale e machine vision (da cui lo studio sul riconoscimento di immagini)
  • La Biofisica si occupava di trasporto ionico attraverso le membrane naturali ed artificiali ricostituite, della risposta di recettori ai fotoni e apprendimento animale

Poi gli interessi per la Cibernetica si sono affievoliti e reindirizzati verso altri obiettivi ed è rimasta la componente Biofisica, ora fusa nell’Istituto di Biofisica, di dimensione nazionale, con sede a Genova.

 

 

 

 

Nel CNR da sempre, e soprattutto oggi, nel Dipartimento Materiali e Dispositivi (il Dipartimento che aggrega tutta la Fisica del CNR) la Biofisica è uno dei settori di punta e la ragione è semplice:

 

oltre a contribuire al miglioramento della salute e della qualità della vita - studiando i meccanismi che regolano il funzionamento dei sistemi biologici e la struttura di biomolecole e cellule - la Biofisica può portare contributi a problemi fisici e biologici di proporzioni globali:

  • Come sfamare la popolazione mondiale?
  • Come preservare la biodiversità?
  • Come salvaguardare e recuperare l'ambiente?

 

 

 

 

 


NOTA: il contenuto di questa pagina è tratto dalla presentazione del Direttore dell'IBF, Franco Gambale, al XX Congresso Nazionale della Società  Italiana di Biofisica Pura e Applicata dal titolo "La nascita della biofisica e la Società Italiana di Biofisica Pura e Applicata"